RICCARDO
PARATORE

NON È
QUESTIONE
DI FORMA

12.09
15.09
2019

Olivetti’s electronic calculator Logos 50/60 series was conceived in Ivrea in the early Seventies. Designed by Mario Bellini, a leading figure in the history of Industrial Design, the device was intended to facilitate and speed up calculation and accounting processes, keeping pace with the ruthless demands of post-industrial Italy’s growing tertiary sector. As stated by its makers, the design of the machine derived from ergonomic and functional considerations rather than being a result of formal desires—hence its advertisement slogan: “Non è questione di forma”, its not a matter of form. Logos 50/60 was meant to be a well run, labor-saving instrument able to streamline the movements of one’s hand while uprooting “any margin of error” from calculation procedures. It was intended as a prosthetic instrument for the new, post-Fordist labourer capable of providing “solutions for each and every problem which can be formulated in numbers”.
Bellini’s design gives the device a cold, essential look. From the operator’s position, the object appears as a floating pentahedron with a trapezoidal section whose inclined surfaces evoke the aerodynamic outlines of 1970s race cars and spaceships. In admiring Logos 50/60’s die-cast alloy bodywork one is, indeed, reminded of Ferrari’s 1976 Bertone Rainbow automobile or of the spacecraft Jupiter 2 featured in the late 60s tv series Lost in Space. The resemblances are far from casual. Logos 50/60 was conceived of as a competitive, avant-garde vehicle permitting companies to partake in the “race for space” of twentieth-century global financial capitalism.

In Non è questione di forma (It’s not a matter of form), Riccardo Paratore exhibits an enlarged reproduction of the iconic Olivetti calculator. In scale of 5:1, the sculpture replicates Bellini’s original design in quasi-obsessive detail. One can notice the control panel, where operations are divided by type; the plain-paper impact printer with its cylindrical print head and rotating cams; the power and approximation keys; the decimal switch—mechanical devices, numbers and symbols to put in practice the new quantitativist logos of neoliberalist social forms. Of course, in Non è questione di forma, such elements transcend considerations of ergonomics and function. Their significance is purely connotative. In structuralist semiotics, to connote an object is to project added meanings onto it—shared meanings deriving from historical conventions and cultural norms. In the writings of Roland Barthes, connotative signification endows objects with an iconic, even universal value. It allows artifacts to become “myths”. In terms of connotation, Logos 50/60 series gathers multiple co-existing myths: the myth of progress, implicit to a positivist understanding of technological innovation; the myth of efficiency—a cornerstone of capitalist discourse; the myth of calculus inherent to a deterministic vision of the world whose origins are deeply rooted in European Enlightenment. Non è questione di forma investigates the symbolic, cultural and formal substructures at the basis of our contemporary, capitalist Lebensform.

Fabrizio Ballabio

 

 

Ma come fanno le segretarie con gli occhiali a farsi sposare dagli avvocati?

This is how the lyrics of a very popular song released in 1984 go. From 1983 to 1986 Italy was governed, for the first time and for one of the most long running tenures, by the Socialist Party (PSI) personified in the symbolic figure of the Prime Minister, Bettino Craxi. In 1984, the Prima Repubblica, at its apex, was about to fade away with a shiny grin on a well groomed face. Yet the crucial question was still up in the air. Indeed, what might seem a hollow joke in the form of a rhetoric question, encompasses complex issues about gender, negotiation of power, sex and commodities, which have imbued work routines during the 20st century.
Within a office space seduction games occur quite often, to the point that eroticization could be seen as a structural and active component of the environment. This form of seduction implies the operativeness of the production’s technical instruments and lies within a chain of distributed and hierarchical labour: from human to human to instrument. From the CEO to The Secretary to The Calculator, in a very simplified scheme. The chain is recursive and the loop goes back to the CEO, after the transformation of labour in the “spectacle of labour” conceived to entertain a top level audience.
Regarding the relationship between the technical objet and and dominated subgroups, Gilbert Simondon writes: “A peculiar type of relationship exists between the woman and the technical object. [The woman] is not neutral in front of this object and can enslave it. […] The female social role is an occasion of degradation of the technical object which represents a slave figure or a semi-magical tools to achieve distinction”. Simondon highlights that the score of gestures which exists between the technical object and the woman can be “concerted and demonstrative”: relaxed or casually clumsy, it becomes a techno-sadist show which tickles the masochistic phantasies of the embodied power structure.
In the office’s Kammerspiel, the “dressed for success” woman—in a masculine outfit and pastel-color manicure—and the elegant, efficient calculator constitute not only a functional unity, but provide a stock character for the leading one, usually played by a male, which also stands for the ultimate spectator and will possibly be The Husband in the next episode of the production play.
It is not a matter of form yet rather of technique, or in Simondonian terms, of “zones of technicity”: the technicity of the objects irradiates beyond the object itself and establishes the participation. Without the mediation of the technical object perhaps many fabulous weddings would not have taken place. “Every being in a state of alienation, alienates in turn”, the officiant states in front of the newlyweds. And they lived happily even after.

Anna Franceschini

 

Riccardo Paratore (b.1990, DE/IT) is an artist and currently lives in Milan and New York

 

La calcolatrice elettronica Olivetti Logos 50/60 fu progettata ad Ivrea nei primi anni ’70 con l’obiettivo di facilitare il controllo e di sveltire le operazioni e i processi di conteggio che sempre più caratterizzavano la nascente realtà economica e sociale dell’Italia post industriale. Progettata da Mario Bellini, esponente di spicco nella storia dell’Industrial Design, la macchina venne concepita secondo criteri non solo estetici ma soprattutto ergonomici e funzionali—ergo lo slogan con cui venne pubblicizzata: “Non è questione di forma”. Logos 50/60 voleva essere un apparecchio svelto ed efficace, capace di ridurre al minimo gli spostamenti delle mani e di eradicare ‘ogni possibilità di errore’ dalle operazioni di calcolo. Uno strumento prostetico pensato per il soggetto produttivo postfordista, in grado ‘di dare soluzioni ad ogni tipo di problema formulabile in cifre".
Il design di Bellini conferiva alla macchina un aspetto asettico ed essenziale. Un pentaedro galleggiante a sezione trapezoidale il cui piano inclinato rimanda ai profili aerodinamici delle automobili da corsa o delle contemporanee navi aero-spaziali. Nell’ammirarne l’involucro in lega d’alluminio, ritornano in mente la Ferrari Bertone Rainbow (1976) o la navicella Jupiter 2 della saga televisiva Lost in Space (1965-68). I riferimenti non sono casuali. La Logos 50/60 voleva essere un veicolo competitivo e avanguardistico, capace di far fronte alla nascente “corsa allo spazio” dell’economia finanziaria globale.

Con Non è questione di forma, Riccardo Paratore propone una riproduzione a scala aumentata dell’iconica calcolatrice olivettiana. La scultura, in scala 5:1, ricalca fedelmente le componenti della macchina originaria. Si notano in essa la tastiera in plastica e silicone suddivisa per operazioni; la stampante a impatto con rullo portacaratteri verticale; i tasti di accensione, di arrotondamento; l’interruttore decimale. Congegni meccanici, numeri e simboli per mettere in essere il logos quantitavistico dell’homo oeconomicus neoliberale. In Non è questione di forma, questi elementi sussistono aldilà di questioni meramente ergonomiche e funzionali per raggiungere una sfera di espressione puramente connotativa. Nella semiotica strutturale, la connotazione consiste nell’associazione di significati aggiunti caratterizzati da associazioni condivise e da convenzioni storiche e culturali. In Barthes, la significazione per via connotativa permette ad un oggetto di acquisire un valore iconico e di natura apparentemente universale. Di divenire “mito”. In Logos 50/60 coesistono molteplici mitologie. Il mito del progresso implicito ad una concezione positivistica dell’innovazione tecnologica. Il mito dell’efficenza, insito ad una concezione capitalistica del vivere sociale. Il mito del calcolo oggettivo quale strumento analitico e decisionale implicito ad una visione deterministica del mondo di matrice illuminista.

Fabrizio Ballabio

 

 

Ma come fanno le segretarie con gli occhiali a farsi sposare dagli avvocati?

Questo il ritornello di una canzone molto diffusa del 1984.
Dal 1983 al 1986 l‘Italia è governata per la prima volta e con uno dei mandati più longevi di sempre dal Partito Socialista Italiano (PSI), incarnato dalla figura emblematica del Primo Ministro Bettino Craxi. È nel 1984 che la Prima Repubblica comincia a sgretolarsi, sotto l‘egida di un uomo dal sorriso smagliante e dal volto ben curato.
La questione cruciale resta tuttavia ancora aperta: come fanno le segretarie con gli occhiali a farsi sposare dagli avvocati? Dietro a una domanda così innocua e retorica si celano di fatto questioni complesse che hanno a che fare con la disparità di genere, le dinamiche di potere, il sesso e il lusso: tutte componenti strettamente legate all‘idea di lavoro nel XX secolo.
I giochi di seduzione non sono di certo una novità negli uffici, al punto da portarci a considerare l‘erotismo come parte integrante del contesto lavorativo. Questa particolare forma di seduzione si basa infatti sull‘operosità nell‘uso di strumenti tecnici e risiede in una catena di mansioni rigidamente suddivise e basate su un ordine gerarchico. Da un primo individuo, a un secondo individuo, allo strumento. O ancora: dal’Amministratore Delegato alla Segretaria e dalla Segretaria alla Macchina Calcolatrice. Questa dinamica si ripete all’infinito e tale ripetizione è al servizio dell’AD, in una logica di lavoro “spettacolarizzato” e finalizzato all‘intrattenimento dei piani alti.
In merito alla relazione tra l‘oggetto tecnologico e i sottogruppi dominati, Gilbert Simondon scrive: “Tra la donna e l‘oggetto tecnico si instaura una relazione particolare. Nei confronti di tale oggetto la donna non è neutrale e può schiavizzarlo […] Le si presenta così l‘occasione di ribaltare il proprio ruolo sociale attraverso la degradazione dell‘oggetto tecnico – una sorta di schiavo o amuleto semi-magico, capace di conferire importanza a chi lo usa”. Simondon pone l‘accento sul vocabolario gestuale “coordinato e dimostrativo“ che nasce dalla relazione tra l‘oggetto tecnico e la donna: disinvolto o maldestro che sia, esso rappresenta uno spettacolo tecno-sadico che solletica le fantasie masochiste che innervano la struttura di potere.
Nella Kammerspiel dell‘ufficio, la donna che veste per il successo – con abiti maschili e manicure color pastello – e la macchina calcolatrice, elegante ed efficiente, costituiscono non solo un‘unità funzionale ma danno vita a un personaggio di repertorio da emulare nella scalata al vertice, solitamente appannaggio dell‘uomo, che è spettatore finale e potenziale Marito nel risvolto seguente di questo gioco di ruolo.
Non è una questione di forma dunque quanto più di tecnica o, secondo Simondon, di “aree di tecnicità“: l’expertise che, irradiato dagli oggetti, li supera e ne determina il coinvolgimento. Con tutta probabilità molti matrimoni favolosi devono la propria esistenza alla mediazione dell‘oggetto tecnologico. “Ogni essere umano soggetto ad alienazione, si aliena a sua volta”, dice l‘officiante ai novelli sposi.
E vissero tutti felici e contenti.

Anna Franceschini

 

Riccardo Paratore (b.1990, DE/IT) è un artista. Vive e lavora tra Milano e New York.